sabato 19 luglio 2014

Top 10. I migliori videogiochi per PC: Posizione 6.

Ma dico, cari Avventori, è mai possibile beccarsi la soluzione tosse + raffreddore a metà Luglio??? Sarò un pochino sfigato? Sì vero?
Anyway non è dei miei acciacchi che parleremo oggi, bensì di videogames e come ben sapete io sono un grande appassionato di videogiochi per computer. Ormai siamo al giro di boa, sicché sarebbe cosa buona & giusta dare una classifica parziale di questa Top 10 dedicata agli abitanti di Nerdopoli.


Oggi altro giro, altra corsa. Stiamo rapidamente giungendo alla vetta di questa Top 10, e dalla posizione 5 in poi la concorrenza si farà spietata. Ma oggi parliamo di:


I migliori videogiochi per PC. Posizione 6: SWAT 4


Sviluppatore: Irrational Games
Pubblicazione: Vivendi Universal
Data di uscita: 5 Aprile 2005
Genere: Sparatutto in prima persona / Strategico
Modalità di Gioco: Singolo e multiplayer

Grazie al cielo non il solito gioco sulla SWAT, che poi in fin dei conti non è SWAT. Un titolo d'azione niente male, che comunque prevede l'uso di una buona dose di furbizia e tattica, per non venire orribilmente annichiliti dai vari bellimbusti che s'aggirano per gli scenari di gioco.
Ma cos'è la SWAT?
S.W.A.T è l'acronimo di Special Weapons And Tactics. Trattasi perciò di quel reparto di polizia (americana) che si occupa di situazioni ad alto rischio, come scontri a fuoco o persone prese in ostaggio, oppure ancora arresti ad alto rischio. Sicché in questo quarto titolo ci spetta l'onore e l'onere di condurre in azione una squadra, salvando ostaggi in pericolo, arrestando o eliminando i cattivi e, soprattutto, cercando di portare a casa la pelle.


E proprio questo punto sarà fondamentale, poiché se voi morirete la missione fallirà automaticamente. Quindi la tattica del pistolero solitario non è poi buona come può sembrare; anzi, vi darà più grane che altro.
Non pensate, poi, che i vostri compagni di squadra siano un mero decoro! Anzi, saranno proprio loro a salvarvi le chiappe virtuali, quando i cattivoni iniziano a buttare merda a palate nel ventilatore.
Pur essendo uno sparatutto in prima persona, la strategia non solo è importante, ma fondamentale. Già, usare la testa e pianificare le vostre mosse non solo vi eviterà di fare una fine orrenda, ma traccerà la differenza tra un'operazione di successo e un massacro inutile. Non dite poi che non vi avevo avvisato.
Anche ripulire una stanza sparando all'impazzata non è una buona strategia, anche perché potreste correre il rischio di uccidere o ferire chi non c'entra, causandovi grane improponibili.
Di solito si spara quando è necessario, ovvero quando un nemico vi punta addosso un'arma o lo fa con un civile inerme; altrimenti non è il caso, anche perché vi farebbe perdere punti preziosi, necessari per l'avanzamento nella vostra carriera da protettore della legge e dell'ordine.
Già, punti.
Il gioco è diviso in mappe, ogni mappa ha un'obiettivo particolare; ma il numero di nemici può variare (ripetendo la mappa potreste trovare un numero maggiore o minore di avversari), così come il numero di civili presenti. Portando a termine gli obiettivi, riceverete una valutazione finale, la quale verrà influenzata (ovvio) da fattori positivi e negativi:
  • Se arresterete tutti i sospettati, inclusi i civili (eh sì, li dovete ammanettare tutti per farli evacuare in sicurezza), se seguirete le regole e se non combinerete grosse cazzate, avrete solo voti positivi.
  • Sparare senza lanciare un avvertimento, uccidere civili, usare la forza quando non è necessario, farsi uccidere o far uccidere tutti i membri del proprio team vi darà dei punteggi negativi. 
Se pensavate di armarvi di M14, sfondare porte e riempire di piombo i nemici allora avete sbagliato titolo, meglio spostarsi verso altri lidi.
E la nostra squadra? Dicevo che non si trattava di un mero elemento di decoro e infatti i nostri sottoposti non schioderanno il culo a meno che voi non ordiniate loro di farlo. 
Così è la vita dei leader picciotti. Potrete comandare loro di far il lavoro sporco, mentre voi vi godete i frutti della vostra leadership. Ripulire luoghi infestati da nemici non è mai stato così divertente, ma attenzione a non mandare i vostri amici in un'imboscata senza scampo.
Quindi, se volessimo riassumere il gioco con un trittico di regolette utili, potremmo scrivere:

  • Osserva, pianifica e agisci
  • Spara solo se sei costretto
  • Mira bene, sbaglia poco



Un occhio al gameplay
Come dicevamo, il gioco si sviluppa in vari livelli. Non c'è un trait d'union che lega le varie mappe, ogni livello è una storia a sé stante.
Dopo un tutorial molto approfondito, che ci consentirà di testare tutte le tecniche essenziali per condurre al meglio la nostra squadra, potremo iniziare con la prima missione.
Studiare le mappe degli edifici in cui dovremo irrompere sarà essenziale, così come le schede dei sospetti e, eventualmente, degli ostaggi. Inoltre avrete l'opportunità di scegliere l'equipaggiamento vostro e dei compagni di squadra; ricordatevi però che le munizioni sono limitate, per quello il consiglio di mirare bene e sbagliare poco va seguito con particolare attenzione.
L'equipaggiamento sarà vasto ed è composto principalmente da:
- Un'arma principale, generalmente un fucile.
- Un'arma secondaria, una pistola o un taser.
- Granate non letali (lacrimogene, flashbang ecc), cavo in fibra ottica, cariche esplosive per aprire porte e portoni, gas al peperoncino und so weiter.
Inoltre, di default, avremo a disposizione una pinza per scassinare le serrature e delle manette di plastica per mettere in riga anche i cattivoni più riottosi.


A questo punto potreste pensare che la gestione di una squadra SWAT potrebbe non essere così facile come ve la sto raccontando. Ebbene sbagliate.
Tramite un'interfaccia semplificata potremo gestire tutti gli ordini da impartire alla squadra nella sua totalità (GOLD) o nelle due sotto-squadre di due uomini di cui è composta (RED e BLUE). Questa ulteriore partizione ci consente di sviluppare tattiche più sopraffini, attaccando una stanza da più fronti, per esempio. Certo, non potete nemmeno presumere che i vostri compagni siano immortali, quindi, piuttosto che farli irrompere in una trappola mortale con esito scontato, sarebbe meglio trovare altre vie per risolvere la situazione.
Inoltre, come se ciò non bastasse, avremo anche l'opportunità di usare momentaneamente i cecchini appostati attorno agli edifici che dovremo assaltare. Quando uno di essi ci avviserà che un sospetto è entrato nella sua visuale potremo decidere se eliminarlo, prendendo appunto il controllo del suddetto, oppure agire diversamente.


Commentone-one-one finale.
Tirando un po' le somme cos'è SWAT 4? Di sicuro è un gioco non comune, che richiede un certo impegno agli user; impegno che sarà certamente ripagato dalle forti emozioni che da ogni singolo livello.
Da un ristorante cinese, ad una casa isolata, da una garage a una stazione di servizio: gli scenari operativi saranno molteplici e mai banali; portare a termine la missione non è solo un'opzione, ma una necessità.
Dedicato agli amanti dell'azione, ma che non disdegnano affatto la pianificazione e l'applicazione di un minimerrimo di tattica. Astenersi Rambo occasionali o abitudinari.

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento