sabato 12 aprile 2014

Uova di Pasqua

Lo so, non è propriamente Pasqua, ma in fondo manca solo una settimana. Che volete che sia? 7 giorni, ossia 168 ore, ossia 10080 minuti, ossia 604800 s, ossia 6,048 x 10^14 ns. Beh avete capito no?
Anyway, nelle News del mese mi ero totalmente scordato di dirvi che la Locanda resterà chiusa per ferie dal 13 al 20 Aprile.
Why?
Because anche io ho bisogno di riposarmi un po', maremma maiala.


Via, siamo più fini! Eh sì, ogni tanto un po' di vacanza è necessaria, che sia finalizzata a rilassare il sottoscritto o ad altro, questo non v'è dato da sapere. Quello che invece vi è concesso conoscere è la data di chiusura e riapertura della Locanda e qualche progetto futuro.
Dunque dunque. Questi 7 giorni di pausa serviranno anche per riorganizzare e buttare giù decentemente un po' di progetti che avevo in ballo (vi ricordate il discorso delle storie? ecco, quello ma anche altro), preparare gli altri articoli sulla storia delle armi bianche e, soprattutto, creare una serie di articoli a sfondo "medico" da pubblicare il Lunedì.
Ora, chiariamo subito una cosa, la mia facoltà mi ha concesso il lusso e il privilegio di aver a che fare con patologie oculari, e mi ha fornito un corso di Patologia oculare proprio per saperle riconoscere e, quindi, sapere se è il caso di mandare la persona dal medico o no. Io non sono un dottore (nel senso di medico chirurgo), né tanto meno mi sognerei mai di effettuare la diagnosi ad una persona, nemmeno se questa si presentasse con un cartello con scritto: "Ciccio, guarda che ho la congiuntivite!".
Allora a che pro questi articoli "medici"?
In verità, in verità vi dico che questi articoli sono volti un po' a solleticare il gusto per l'orrido o per il patologico di taluni frequentatori e, in più, per farvi un pochino vedere come certe situazioni possono essere provocate dal cattivo uso di lenti a contatto (sto parlando proprio con voi! Che usate lenti scadute o che le tenete a dormire anche la notte quando non potreste!).
Sicché se tra voi lettori ci sarà qualche medico/aspirante medico/oculista/infermiere non si crucci! Non voglio rubargli il lavoro, ma solo mostrare qualche occhio un po' arrossato! Riceverete istruzioni più dettagliate una volta uscito il primo dei post incriminati, in cui, giusto per pararmi il culo bene bene, farò un'accurata e veemente apologia.
Altra comunicazione importante che volevo darvi riguarda la Storia secondo la Locanda. Si tratta di otto racconti che riguarderanno fasi piuttosto importanti della storia umana viste dagli occhi della gente comune (semplici soldati, monaci ecc ecc) a confronto coi grandi che finirono per inserire i loro nomi nei libri di storia. I racconti sono:

  1. La rivolta di Spartaco. Un manipolo di soldati comandati dal centurione Lucio Domizio Bibulo, al servizio del generale Crasso ha l'ordine di inseguire, arrestare e crocifiggere un gruppo di schiavi fuggiaschi, tra cui si potrebbe nascondere Spartaco, dopo la battaglia presso il fiume Sele nel 71 a.C.
  2. In Nomine Patris. Un anziano inquisitore ed uno zelante apprendista vengono incaricati di indagare sull'operato di un parroco che, sopra i monti del lago di Como, ha acquistato una certa fama per "aver acceso così tanti roghi da illuminare a giorno le notti d'inverno".
  3. La battaglia dei giganti. 1356. L'esercito di Edoardo, il Principe Nero, sta per affrontare il re francese Giovanni II coi suoi cavalieri, nei pressi di Poitiers.
  4. Niente di intentato. Luglio 1492. La salute del Santo Padre Innocenzo VIII è rapidamente peggiorata; Benedetto Faini viene incaricato dal figlio di Innocenzo, Franceschetto Cybo, di portare a termine una terribile missione, con lo scopo salvare la vita del pontefice
  5. Revolution! Autunno 1774, a pochi giorni dalla firma della Dichiarazione di Indipendenza a Philadelphia, un giovane ufficiale inglese dovrà confrontarsi con un gruppo di coloni ribelli lungo la frontiera americana. Il preludio alla Guerra di Indipendenza.
  6. L'esercito dell'Anticristo. Le truppe di Gustavo Adolfo di Svezia sono schierate sul campo di battaglia di Breitenfeld (1631). I soldati protestanti ripercorrono i momenti felici della loro vita prima di ingaggiare battaglia con i cattolici guidati dal conte di Tilly.
  7. I lanzichenecchi. Durante il Sacco di Roma (1527) i destini di un Doppelsoldner lanzichenecco e di una giovane serva della famiglia Orsini si intrecceranno indissolubilmente, tra razzie, rapine e violenze.
  8. La vendetta del Vichingo. Tra gli Jomvichinghi corre voce che un loro vecchio compagno, cacciato dalla congregazione per aver portato una donna con sé dopo una razzia, stia radunando ingenti forze, grazie all'aiuto dei danesi, per farla pagare ai suoi vecchi amici.
Queste sono le storie papabili e che mi sono venute in mente; alcune le sto già sviluppando, altre invece necessitano di un minimo di riflessione per essere messe giù decentemente. Del resto creare è un lavoro estremamente complesso e time consuming. Benché io sia completamente negato per la scultura e abbia due mani sinistre quando si parla di disegno, a volte mi piace paragonarmi ad uno scultore o ad un pittore che pian piano, colpo dopo colpo, pennellata dopo pennellata, compone la sua personale opera, pronto per condividerla, poi, col mondo intero. Anche la scrittura è simile alla scultura o alla pittura, è un continuo labor limae per sistemare le parti tortuose, per ampliare le fasi banali e per condensare l'azione a sufficienza per non risultare noiosa, ma neanche troppo, evitando che diventi banale.
Presto potreste trovare una di queste storie nella home! Chissà! Ah se avete dei consigli, dei suggerimenti, delle critiche (costruttive), sono sempre bene accette.
Se ve lo state domandando, sì, oggi salta l'appuntamento con la storia. Dato che dal XV secolo in poi il modo di fare la guerra subì un nuovo e sostanziale cambiamento, non ho voluto (anche per pigrizia, lo ammetto) mettere troppa carne al fuoco; ma posso riproporvi il link dello scorso appuntamento, per chi si fosse perso qualcosa! 
Ora, quello che c'era da dire è stato detto, non mi resta quindi che salutarvi dandovi appuntamento a Lunedì 21 col Lunedì del Locandiere. A presto, cari Avventori e Buona Pasqua!



Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento