sabato 18 gennaio 2014

Top 10. Le attrici più affascinanti di Hollywood: Posizione 1.

Ridendo e scherzando ci siamo consumati anche questa Top 10. Ma non siete curiosi di sapere chi vi ho messo al primo posto? Forse lo potete intuire, anzi, magari i più di voi l'hanno già capito. Ma prima, com'è d'usanza facciamo la classifica parziale, per poi dichiarare la vincitrice di questa lista di affascinanti dive del grande (e anche piccolo) schermo:


Ed ora, cari Amici, il podio della bellezza e della bravura:



Ed eccoci in cima alla classifica, al meglio del meglio. Stiamo per premiare, o meglio, sto per premiare la donna, il cui indiscusso charme ha ammaliato molti uomini. Una donna dal talento incalcolabile

Medaglia d'Oro: Cate Blanchett


Biografia: nata Catherine Elise Blanchett il 14 Maggio 1969 in uno dei sobborghi di Melbourne. La madre era un'insegnate, mentre il padre era un ex sottufficiale della US Navy, che conobbe la madre di Cate quando la sua nave era attraccata a Melbourne. Cate ha una sorella e un fratello (uno è ingegnere informatico, l'altra è una designer). Dell'infanzia di Cate non si sa molto, se non che perse il padre quando aveva 10 anni, a causa di un infarto; la sua carriera scolastica la passò a Melbourne, laureandosi in economia, prima di lasciare l'Australia e andare oltremare.



I primi successi di Cate giungono nell'ambito del teatro, con Oleanna (1992) che la vede opposta a Geoffrey Rush e che viene considerato il suo "battesimo del fuoco". Recita anche il ruolo di Ofelia nell'Amleto (di produzione della Company B) e compare anche in alcune serie televisive: Heartland, Bordertown a fianco di Hugo Weaving ed altre.
Ottiene il suo primo debutto internazionale nel 1997 col film Paradise Road, in cui interpreta un'infermiera australiana fatta prigioniera dai giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale; mentre ottiene un ruolo principale nel film Oscar e Lucinda, nello stesso anno. L'interpretazione gli valse una nomination come Miglior Attrice Protagonista dell'Australian Film Institute, premio che le fu strappato per un soffio.
Ma il suo primo film ad alto profilo giunge nel 1998, quando interpreta soavemente la parte di Elisabetta d'Inghliterra nel film Elizabeth. Anche se perse la parte in Shakespeare in Love (che si prese la Paltrow), ottenne un British Academy Award e un Golden Globe come miglior attrice per un film drammatico. Nel 1999 ottenne un altro BAFTA per il suo ruolo nel film film Il Talento di Mr Ripley.



Divenuta un'attrice acclamata worldwide, nel 2001 Cate inizia la famosa collaborazione nella trilogia de Il Signore degli Anelli, firmata Peter Jackson, interpretando il ruolo della bellissima ed eterea Galadriel, la regina degli Elfi di Lòrien e la portatrice di uno dei tre Anelli del Potere (Nenya). Sempre nello stesso anno, Cate diversifica il suo portfolio di esperienze recitando in: Charlotte Gray, The Shipping News. Nel 2005 riceve l'Academy Award come miglior attrice non protagonista per la parte recitata nella pellicola di Scorsese The Aviator.
Nel 2007 la rivista Times l'ha inserita tra le 100 persone più influenti del mondo; il 5 Dicembre 2008 riceve la sua stella nella Hollywood Walk of Fame, al 6712 di Hollywood Boulevard, davanti al Garuman's Egyptian Theatre. Nel 2010 recita al fianco di Russel Crowe nel film Robin Hood.


Nel 2012 Cate ha ripreso il ruolo di Galadriel nella nuova trilogia di Peter Jackson basata sul libro Lo Hobbit. Nello stesso anno ha prestato la voce anche ad un episodio dei Griffin (in inglese: Mr and Mrs Stewe). Nel 2013 ha preso parte al film Blue Jasmine, pellicola che le ha fatto guadagnare molte critiche positive (alcuni dicono che la sua recitazione ha superato per qualità e intensità perfino Elizabeth).
Cate è sposata col drammaturgo australiano Andrew Upton, dal quale ha avuto tre figli. La coppia ha deciso di trasferirsi stabilmente in Australia, così da avere un ambiente stabile in cui crescere i propri figli.
Oltre ad essere una madre, Cate patrocina eventi come il Sydney Film Festival ed è impegnata attivamente nell'ente caritatevole SolarAid.


Filmografia essenziale:

  • Paradise Road - 1997
  • Thank God He Met Lizzie - 1997
  • Oscar e Lucinda - 1997
  • Elizabeth - 1998
  • Un marito ideale - 1999
  • Falso tracciato - 1999
  • Il talento di Mr Ripley - 1999
  • The Man Who Cried - 2000
  • The Gift - 2000
  • Bandits - 2001
  • Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello - 2001
  • Charlotte Gray - 2001
  • The Shipping News - 2001
  • Heaven - 2002
  • Il Signore degli Anelli: Le due torri - 2002
  • Veronica Guerin, Il prezzo del coraggio - 2003
  • Coffee and Cigarettes - 2003
  • The Missing - 2003
  • Il Signore degli Anelli: Il ritorno del Re - 2003
  • Le avventure acquatiche di Steve Zissou - 2004
  • The Aviator - 2004
  • Little Fish - 2005
  • Stories of Lost Souls - 2005
  • Babel - 2006
  • Intrigo a Berlino - 2006
  • Diario di uno scandalo - 2006
  • Hott Fuzz (cameo non accreditato) - 2007
  • Io non sono qui - 2007
  • Elizabeth: The Golden Age - 2007
  • Indiana Jones: Il regno del teschio di cristallo - 2008
  • Ponyo sulla scogliera (voce) - 2008
  • Il curioso caso di Benjamin Button - 2008
  • Robin Hood - 2010
  • Hanna - 2011
  • Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato - 2012
  • Blue Jasmine - 2013
  • The Turning - 2013
  • Lo Hobbit: La desolazione di Smaug - 2013
  • Monuments Men - 2014
  • Dragon Trainer 2 (voce) - 2014
  • Lo Hobbit: Racconto di un ritorno - 2014

Che film ci proponi? Per la donna che sposerei senza indugi non posso far altre che tributarle gli onori maggiori, parlandovi del film che l'ha lanciata sulla scena mondiale.

Elizabeth


Titolo: Elizabeth
Titolo originale: Elizabeth
Regia: Shekhar Kapur
Durata: 126 min.
Anno: 1998
Genere: Storico, drammatico
Cast: Cate Blanchett, Geoffrey Rush, Joseph Fiennes, Richard Attenborough, Vincent Cassel.

Trama: La pellicola ricalca la storia di Elisabetta I d'Inghillterra, la figlia avuta da Enrico VIII con Anna Bolena. Dei contrasti avuti con la sorella Maria Tudor, fino alla sua ascesa al trono. Anche una volta nominata regina, Elizabeth sarà sempre in grave pericolo...


Parliamone: Con la performance di Cate in questo film, certo non si possono avere più riserve sulle sue capacità come attrice. Il vero pregio di questa pellicola, oltre all'intensa recitazione della Blanchett è, senza dubbio, l'ambientazione storica e i costumi (Cate in abito storico è davvero stupenda).


Certo, non è la ricostruzione storica migliore, anche perché pecca alcune inesattezze che, nonostante tutto però, non influiscono più di tanto sulla trama. Per esempio il fatto che Wolsingham era circa ventenne al tempo in cui Elisabetta salì al trono (e non un uomo di mezza età come nella pellicola). Analogamente sir Dudley rimase sempre fedele alla sua regina e non si macchiò mai di complotti contro di lei.
Un particolare interessante è che Vincent Cassel, nel film, interpreta proprio Henri D'Anjou (futuro Enrico III), questi effettivamente chiese la mano di Elisabetta, ma lo fece per lettera e non presentandosi a corte.
Elisabetta aveva gli occhi castani, come il padre Enrico; mentre nel film sono stati adottati gli occhi azzurri naturali dell'attrice.
Infine, un piccolo fatto interessante. Solo un anno prima Cate avrebbe potuto recitare a fianco di Jospeh Fiennes nel film Shakespeare in Love (ruolo che, come ricordiamo, venne ricoperto dalla Paltrow), ambientato sempre in età elisabettiana; nel '98, invece, Fiennes recita nuovamente in una pellicola a sfondo storico, ambientata qualche anno prima di Shakespeare in Love, ricoprendo il ruolo di sir Dudley/amante di Elizabeth....INCEPTION!


Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento