lunedì 20 gennaio 2014

Il Lunedì del Locandiere.

Good Morning Avventori! Pronti ad affrontare un'altra settimana di studio/lavoro? Io no, al momento preferirei gestire una distilleria di rum in qualche sperduta isoletta caraibica, ti alzi al mattino presto, fai il bagno, vai a lavorare, in pausa pranzo mangi e fai il bagno, torni a lavorare, finisci di lavorare, cena, bagno, sigaro e nanna...che vita...
Anyway, finché non mi sarà concesso il mio vigneto in Toscana, o la mia piantagione di tabacco in Virginia o ancora la mia distilleria in qualche isola caraibica, eccoci qua, come sempre, a mandare avanti questa modesta Locanda, sempre all'erta e sempre pronti a soddisfare le vostre esigenze.
Prima di cominciare il Lunedì del Locandiere di oggi, in cui parleremo ancora di videogiochi (eh sì, ho un po' di news che ho lasciato indietro), vorrei dare un paio di annunci, giusto due, keep calm:

  • Come avrete sicuramente notato (o forse no?), Sabato si è conclusa la celebre Top 10: Le attrici più affascinanti di Hollywood, che ha stupito e convinto parecchi Avventori. Come già accennato nelle News di Gennaio, i prossimi week-end saranno occupati da una serie di post storico-divulgativi sulla nascita e l'evoluzione delle armi bianche (in Europa), fino diciamo al loro abbandono, in favore delle armi da fuoco. Se siete interessati sintonizzatevi Sabato mattina, dalle 8:30 in poi!
  • Domenica mattina, alzandomi, mi è venuta in mente una nerdata pazzesca, che ho proprio intenzione di portare avanti. Ho intenzione di fare un Weekly Movie Corner Special: Star Wars Marathon! Lascio il resto alla vostra immaginazione.
Ma torniamo al main event di oggi, ovvero i videogiochi. Come sapete, sì che lo sapete, io ho una vera e propria predilezione per i videogames di simulazione, di conseguenza si parlerà di un altro gioco di simulazione. Signore e signori stiamo parlando di:


In pratica saremo dei novellini appena reclutati presso una squadra contro i rischi ambientali, portando a compimento pericolose missioni e prevenendo fughe di materiali pericolosi.

Uno sguardo d'insieme.
La Excalibur Publishing non è certo una nuova arrivata nel mondo videoludico, abbiamo già avuto modo di testare altri suoi prodotti e abbiamo avuto modo di parlarne anche qui (non trovate che il plurale maiestatis sia davvero fico?), anyway la tipologia di gioco è più o meno la stessa, se non identica, ad altri titoli (tipo Flughafenfeuerwehr Simulator), il che implica:

  • Visuale in prima persona del giocatore (senza possibilità di cambiarla).
  • Il gioco viene diviso in turni, ogni turno dura 24 ore (ventiquattro minuti), inizia alle 8:00 del mattino e termina alle 8:00 del giorno dopo.
  • Possibilità di utilizzare una discreta varietà di mezzi dei vigili del fuoco, assegnatici all'inizio di ogni turno.
  • Varietà di interventi a cui si deve rispondere durante il turno.
In pratica ci troveremo ben presto immersi nella bucolica campagna tedesca, in una fantasiosa regione dispersa tra il nulla assoluto e "Dio solo sa dove", regione che alterna centri urbani, fattorie, laghi, una fabbrica chimica ed una centrale nucleare. Puntualissimi ci recheremo nella sala riunioni del nostro sempiternamente impegnatissimo (a suo dire) capo, che poi lo vedremo pascolare senza scopo per la stazione, il quale ci assegnerà un particolare veicolo e ci farà le opportune raccomandazioni; ovvero fare la manutenzione del veicolo, tenerlo pulito e soprattutto fare il pieno quando la benzina scarseggia (o quando il serbatoio della botte è a secco). Nel frattempo, se non ci è troppo di disturbo, dovremo anche rispondere alle chiamate più o meno gravi che ci piomberanno addosso, durante la routine da caserma.


Ma diamo un'occhiata prima alla flotta di mezzi disponibili:
  • Furgone per le analisi chimiche: in codice Florian 1, sarà anche il primo mezzo che ci verrà assegnato. Oltre ad avere a disposizione un computer per le analisi chimiche (da usare solo in certe situazioni), avremo un robot per la raccolta di campioni di materiali pericolosi, un contatore geiger e degli estintori.
  • Automedica/Autoambulanza: i veicoli in codice Florian 2 - 3 non sono utilizzabili dal giocatore, ma arriveranno comunque sui luoghi degli incidenti più gravi, senza scopi precisi.
  • Autopolisoccorso: sono la Florian 4 e 5, sono autobotti che hanno anche i respiratori (per gli interventi più difficoltosi e che richiedono le protezioni dai fumi), conetti stradali, un sacco con un materiale per assorbire oli e liquidi sull'asfalto e una spazzola per tirare via il tutto. Sarà il secondo mezzo a nostra disposizione, non appena saliremo di livello.
  • Camion per le emergenze ambientali: un grosso veicolo con un container, contiene pompe per aspirare i reagenti dispersi, un contatore geiger, una tuta anticontaminazione, conetti stradali, kit per l'assorbimento e la rimoozione di sostanze pericolose. Sarà il camion più usato per le maggiori emergenze.
  • Autoscala: è un'autoscala, la si userà per combattere i grossi incendi dall'alto, o per soccorrere i gattini sugli alberi.
  • Turbopompa: un'autopompa gigante, totalmente computerizzata, dotata di 4 getti più due turbine (cosa cazzo ci fanno due turbine su un camion???) per spazzare via il fumo o nebulizzare l'acqua, così da solubilizzare i gas sospesi. Sarà l'ultimo veicolo disponibile, sbloccato dopo aver ottenuto un determinato rango.
Come già accennato, durante i turni dovremmo rispondere alle eventuali chiamate, se riusciremo a fare il nostro dovere otterremo un punteggio, sommando i punteggi arriveremo alla cifra necessaria per passare di livello, insomma, è lo stesso principio dei Punti Esperienza dei Pokémon. Una volta passati di livello, ci verranno affidati nuovi veicoli coi quali affrontare nuove e ben più problematiche situazioni.


Tuttavia sono state apportate delle novità rispetto ai capitoli simili della serie:
  • Manutenzione del mezzo: in Flughafenfeuerwehr Simulator, che è uno dei titoli più simili a questo, ci si limitava a riempire i serbatoi d'acqua e di benzina e basta; in questo capitolo, invece, dovremo anche usare la chiave inglese sul nostro mezzo per fare la normale manutenzione ed eventualmente riparare qualche guasto.
  • Pulizia del mezzo: se scorrazzeremo troppo a lungo per la campagna, il nostro veicolo si sporcherà e noi saremo obbligati ad utilizzare l'apposita lancia per rimuovere le schifezze dal parabrezza, ridando al mezzo il suo naturale colore rosso fiammante, eliminando la tinta terriccio fradicio.
  • Esercitazioni: sarà presente anche una torre per le esercitazioni, che, a seconda del mezzo che ci verrà assegnato, renderà disponibili una serie di missioni di addestramento, così da familiarizzare al meglio con le meccaniche di gioco.
Non tutto oro è quel che luccica.
Diaz, forse la mia descrizione finora ha sottolineato i pregi di questo titolo, che sicuramente spingeranno gli appassionati dei generi ad acquistarlo. Tuttavia ho riscontrato alcune problematiche non poco rilevanti.
Innanzitutto c'è la randomizzazione degli eventi; in pratica saremo più spesso coinvolti in interventi di routine (spegnere incendi soprattutto), anziché combattere le catastrofi ambientali; oppure, quando qualcosa s'inceppa nel meccanismo della presentazione delle emergenze, ci troveremo ad affrontare tre o quattro volte di fila la stessa emergenza, nello stesso posto. Tanto per farvi un po' di esempi, posso dirvi che, paradossalmente, avrete più possibilità le emergenze più significative col primo veicolo che avrete a disposizione; mentre avanzando di livello le emergenze saranno sempre più...insipide (salvo rare eccezioni).


Oppure ancora, a me sono capitate tre fughe di gas nello stesso punto, nella stessa fabbrica chimica, in successione. Cose che ti fanno dire, chiudere i rubinetti? Licenziare il personale incompetente? No eh?
Altro paradosso, per un titolo come Chemical Spillage Simulation, in realtà, i pericoli ambientali a cui saremo costretti a porre rimedio saranno davvero pochini. Quasi mai verremo a contatto con materiali davvero pericolosi: il più delle volte saranno macchie di benzina per terra, macchie di benzina su superfici acquatiche e fusti ritrovati casualmente in qualche luogo sperduto; fusti che conterranno ovviamente...benzina (no dai, ogni tanto mi è capitato del diluente o una quasi innocua mistura di sostanze chimiche). Grazie al cielo, ogni tanto ci pensa la centrale nucleare a fornire lo spasso necessario, coi magazzini che prendono fuoco inspiegabilmente e ci permetteranno di usare il contatore geiger (compreso l'effetto gracchiante) per identificare i fusti che, durante l'incendio, si sono danneggiati e stanno perdendo scorie. Per il resto del tempo correremo per le amene campagne della Tedeschia, sui nostri ruggenti mezzi, spegnendo incendi e...spegnendo altri incendi...sigh.
Tutto sommato è carino, adatto agli amanti dei simulatori, ma avrei preferito qualcosa di più. Lo so, sono troppo pretenzioso.

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento