sabato 7 dicembre 2013

Top 10. Le attrici più affascinanti di Hollywood: Posizione 4.

Siamo sempre più vicini al podio, con la quarta posizione la concorrenza si fa spietatissima. Ma prima, come di consuetudine, forniamo una lista completa di coloro che hanno partecipato finora:


E ora, dopo la bellezza mediterranea del Lunedì, chi mai porterò oggi all'attenzione dei miei Avventori???

Le attrici più affascinanti di Hollywood. Posizione 4:
Natalie Portman


Biografia: nata Natalie Hershlag il 9 Giugno 1981, da un ginecologo israeliano e da una casalinga americana. A tre anni si spostò a Washington, nel 1988 si trasferirono nuovamente stavolta in Connecticut e, infine, nel 1990 la famiglia si trasferì a New York. Natalie ricevette una buona educazione frequentando scuole ebraiche, saltò anche la premiére del film La minaccia fantasma (per chi non se lo ricorda è l'episodio I della seconda trilogia di Guerre Stellari) per studiare in vista dei suoi esami. Frequentò psicologia ad Harvard, laureandosi nel 2003; benché questo avrebbe potuto influire negativamente sulla sua carriera da attrice, Natalie non se ne curò molto, dicendo che sarebbe diventata una persona intelligente anziché una star cinematografica. Nel 2004 frequenta con successo l'università ebraica di Gerusalemme laureandosi. La cosa che più mi colpisce è che la Portman, da studentessa, partecipò a diverse pubblicazioni scientifiche su riviste specializzate.
Come se tutto ciò non bastasse Natalie studiò danza classica e moderna; particolarmente interessata alle lingue, studiò il Giapponese, il Francese, il Tedesco e l'Arabo. Un curriculum davvero invidiabile.


Per quanto riguarda la carriera di star, si sa, Natalie ha sempre messo al primo posto la sua educazione; non per questo, però, ha rinunciato a recitare. Nel 1993, recita nella sua prima e celebre interpretazione, al fianco del colossale Jean Reno in Lèon. Nella pellicola, la Portman è una bambina rimasta orfana, figlia di una famiglia piuttosto disagiata che ingaggia l'assassino Léon (o almeno intende farlo), per vendicare la morte dei suoi genitori. Durante la metà degli anni novanta, la Portman recita in altre pellicole tra cui Heat - La sfida, Beautiful Girls e Mars Attacks! dove interpreta la figlia del Presidente degli Stati Uniti, che per l'occasione ha il volto di Jack Nicholson. Venne scartata per il film Romeo + Giulietta a causa della sua troppo giovane età. Dal 1997 dona il suo volto al personaggio di Padmé Amidala, nella nuova trilogia di Guerre Stellari ( La Minaccia Fantasma, L'attacco dei Cloni e La vendetta dei Sith). Nel 1999 riceve una nomination per un Golden Globe per il film La mia adorabile nemica. Nonostante la giovane età, Natalie colleziona molte critiche positive da parte dei suoi colleghi.
Durante il suo periodo al college, la Portman decise di non girare altri film al di fuori di Guerre Stellari per non togliere troppo tempo allo studio. Nel frattempo si dedica anche alla recitazione per il teatro.
Nel 2004 recita nel film indipendente La mia vita a Garden State e in Closer. Quest'ultima pellicola le vale un Golden Globe come miglior attrice non protagonista e una nomination per un Academy Award sempre come miglior attrice non protagonista.


La carriera della Portman da un successo dopo l'altro, sempre negli anni 2000 gira L'ultimo inquisitore, il terzo e ultimo capitolo della nuova trilogia di Star Wars, che sarà un successo enorme, V per Vendetta, Mr Magorium e la bottega delle meraviglie e L'altra donna del re, per cui interpreta il ruolo di Anna Bolena.
I suoi ultimi lavori sono Thor e, attualmente nelle sale, il suo seguito Thor 2: The Dark World. Nel 2010 recita ne Il Cigno Nero, pellicola che accresce notevolmente la sua fama e le consegna di fatto un Academy Award  come miglio attrice protagonista; nonostante le furiose critiche che si sono sollevate.
Natalie Portman è una donna estremamente intelligente, colta e bellissima, ma è anche impegnata attivamente in numerose opere di beneficenza, partecipando anche attivamente alle campagne in favore dei candidati del Partito Democratico, in particolare diede un vasto supporto a Barack Obama durante la sua corsa per la presidenza.
Al momento è impegnata con il ballerino e coreografo Benjamin Millepied, da cui ha avuto un figlio, Aleph. La coppia si è sposata con rito ebraico nel 2012.


Filmografia essenziale:
  • Léon - 1994
  • Heat, La sfida - 1995
  • Beautiful Girls - 1996
  • Tutti dicono I Love You - 1996
  • Mars Attacks! - 1996
  • Star Wars: Episodio I, La Minaccia Fantasma - 1999
  • La mia adorabile nemica - 1999
  • Qui, dove batte il cuore - 2000
  • Zoolander (cameo) - 2001
  • Star Wars: Episodio II, L'attacco dei Cloni - 2002
  • Ritorno a Cold Mountain - 2003
  • La mia vita a Garden State - 2004
  • Closer - 2004
  • True (cortometraggio) - 2004
  • Star Wars: Episodio III, La vendetta dei Sith - 2005
  • Free Zone - 2005
  • V per Vendetta - 2005
  • L'ultimo inquisitore - 2006
  • Un bacio romantico, My Blueberry Nights - 2007
  • Il treno per Darjeeling (cameo) - 2007
  • Hotel Chevalier - 2007
  • Mr Magorium e la bottega delle meraviglie - 2007
  • L'altra donna del re - 2008
  • L'amore e altri luoghi impossibili - 2009
  • Brothers - 2009
  • Il cigno nero - 2010
  • Hesher è stato qui - 2010
  • Sua Maestà - 2011
  • Amici, amanti e... - 2011
  • Thor - 2011
  • Illusions & Mirrors (cortometraggio) - 2013
  • Thor: The Dark World - 2013

Che film ci proponi? come ciliegina sulla torta uno dei miei film preferiti, diciamo il film che ha reso la Portman famosa al pubblico del grande schermo.

Léon



Titolo: Léon
Titolo originale: Léon - The Professional
Regia: Luc Besson
Durata: 127 min
Anno: 1994
Genere: Azione, Drammatico
Cast: Jean Reno, Natalie Portman, Gary Oldman, Danny Aiello

Trama: Léon è un sicario che lavora per la mala italoamericana, apparentemente freddo e spietato, ha come unica regola quella di non uccidere donne e bambini. Come vicini di casa ha la famiglia di Mathilda, che viene massacrata da alcuni agenti della DEA corrotti, dopo che questi ultimi avevano affidato ai genitori di Mathilda una partita di droga e, davanti al rifiuto di consegnarla nuovamente agli stessi, scoppia una sparatoria. Mathilda riesce a scampare alla morte solo perché si trovava fuori casa, quindi tornando sul luogo del massacro decide di suonare il campanello di Léon. Ben presto Mathilda scopre la vera occupazione del suo salvatore e decide di intraprendere la carriera di sicario per vendicare i suoi genitori...


Parliamone: per essere poco più che una bambina (all'epoca aveva solo 13 anni!!) la Portman interpreta egregiamente il ruolo assegnatole, con una serietà e una professionalità che quasi mai sono stati visti in attori così giovani. Dovete tenere conto che, tra le altre cose, non si tratta di una parte semplice; ben lontana da un ruolo comico (cfr Macaulay Culkin), Natalie veste i panni di Mathilda, ragazzina abbandonata a sé stessa che vive sulle sue spalle tutto il disagio sociale di una famiglia di spacciatori, che lascia questa orribile realtà, peraltro spazzata via da uno psicolabile poliziotto, per entrare nello spietato mondo di Léon: killer senza scrupoli.


Ruolo che sembra tagliato su misura per il colossale (e allora giovane) Jean Reno. Sembra un po' la storia del gigante buono; anche se all'inizio non sembra così, pian piano Léon sembra aprirsi ad un lato che era semplicemente nascosto e che emergeva appena in soli due aspetti della vita del sicario: la regola di non uccidere donne e bambini e la cura maniacale per la sua pianta.
Una curiosità divertente, non so se vi ricordate Hot Fuzz? Nella pellicola anche Nicolas Angel, girovaga per varie stazioni, prima di terminare a Stanford, con uno spatiphilium al seguito; anche se in realtà la pianta di Léon è una Aglaonema, nella commedia della coppia Pegg-Frost, c'è un chiaro riferimento anche a questo film.
Non molto facile da vedere, più che altro per il background poco allegro dei personaggi; tuttavia questa è una di quelle pellicole che non solo meritano di essere viste, ma che devono essere viste da tutti i cinefili del mondo. Pena il declassamento ad apprezzatori di volgari cinepanettoni. Chi ha orecchie per intendere intenda.

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento