lunedì 21 ottobre 2013

Monday Morning Recensioni, ma non solo!

Good Morning Avventori! Come andiamo? Complici un po' di casini vari non s'è potuto avere con certezza una data in cui recensire l'ormai noto romanzo Project:Jinsei (pagina FB qui), in onda mensilmente sul blog A Star Crossed Wasteland, ma ora che tutto è a posto recensiamo i due nuovi capitolazzi, cioè il 12 e il 13.




Come ci giostriamo oggi? Senza perdere altro tempo direi di fare così. Iniziamo dal capitolo 12, trama e commento, poi facciamo il capitolo 13, anche qui trama e commento, infine...infine c'è una sorpresa per voi! Ehehe non ve la dico!



Capitolo 12

Trama: nuovo capitolo, nuovo personaggio. Con una serie di flashback conosceremo meglio un nuovo personaggio: Alessandro Raso. Ultimo rampollo della potente famiglia mafiosa Raso, si vede costretto a ripercorrere la sua storia. Una storia di oscuri patti con il Consorzio, di una vita che voleva essere onesta, ma che dovette essere subordinata alle esigenze della famiglia: onore, rispetto. Fino a quando compare alla porta di Alessandro, Rita, attuale capofamiglia della famiglia Raso e madre di Alessandro. Cosa mai vorrà dal figlio?

Parliamone: Molto più fluido del capitolo precedente, il pregio di contenere lunghi dialoghi lo rende più flessibile. Personalmente ho trovato estremamente interessante le connessioni con fatti storici realmente accaduti e che hanno reso tristemente celebri gli anni di piombo. Un po' audaci come paragoni, ma efficaci. Immancabile colpo di scena finale, ovviamente.
Una piccola critica va all'uso (o abuso) del flashback, funziona bene a livello cinematografico, ma a livello letterario rischia di imbarazzare un po' il lettore, confondendolo. Attenzione!


Capitolo 13

Trama: Alessandro Raso è finito nelle grinfie del Consorzio, tradito anche dal sangue del suo sangue: la propria madre. Trasferito in una località segreta di Los Angeles, gli viene palesato il suo destino: essere una cavia per il siero Jinsei. Scappare è impossibile.
Durante la permanenza nel centro del Consorzio, Davide assiste ad un ennesimo esperimento su Martina McAdams. Un brutale esperimento degno dei peggiori aguzzini nazisti.

Parliamone: Capitolo al cardioplama il tredicesimo. Dopo un inizio un po' soft, un po' spaccone e sbruffone, entriamo in uno dei pezzi più crudi finora esposti nel romanzo e che, secondo me, è il tema fondamentale del capitolo.
Conosciamo già le straordinarie capacità di Martina McAdams, dopo che le fu iniettato il siero maledetto; ora la ritroviamo, percossa e umiliata in tutti i sensi, sia come essere umano che come donna. Costretta a subire uno stupro, perché in fin dei conti di stupro si tratta, per i secondi fini del Consorzio; per compiacere i vertici di questa spietata organizzazione i cui fini restano ancora celati.
Scene forti, che possono disturbare un pubblico un po' più innocente, ma che visivamente sono efficaci.
Lo ammetto, uno dei migliori capitoli che io abbia letto fino ad ora e che rende piacevolmente imprevedibile il racconto.

Approvometro: diamo un'approvazione all'unanimità per i due capitoli. Soprattutto per la piacevole sorpresa del secondo, piacevole in termini di contenuti beninteso. Quindi approviamo alla grande i capitoli, chiedendo a Symo di continuare su questa strada.


E ora, come promesso, la sorpresa. Già, perché mi duole che i miei amati fan restino a bocca asciutta, a causa di miei impegni personali. Quindi mi sono permesso di anticiparvi la Posizione 9 della Top 10: le attrici più affascinanti di Hollywood.


Le attrici più affascinanti di Hollywood. Posizione 9:
Jennifer Aniston.


Biografia: nata Jennifer Joanna Aniston il giorno 11 Febbraio 1969 da John Aniston e Nancy Dow. Il padre era di origine greca ed entrambi i genitori erano attori. Il padrino di Jennifer fu Telly Savalas, attore ed amico del padre, uomo che ha dato il volto a nientepopodimenoché il tenente Kojak.
Durante l'infanzia trascorse un anno in Grecia.
A 11 anni entra nella Rudolf Steiner School di New York per frequentare teatro e arti figurative. A 15 anni si iscrisse alla High School for the Performing Arts, tra le sue compagne c'era anche Chastity Bono, la figlia di Cher. Si diploma nel 1987 e subito dopo inizia a ottenere dei ruoli in produzioni off-Broadway.


Nel 1993 ottiene una parte in Leprechaun. Nello stesso periodo ottiene la parte di Rachel nel fortunato telefilm Friends, ma per ottenere la parte deve perdere peso.
Sette anni più tardi, nel 2000, sposa l'attore Brad Pitt, da cui divorzierà nel 2005. L'anno successivo debutta alla regia con Andrea Buchanan nel cortometraggio Room 10. Ultimamente torna in splendida forma sugli schermi in una serie di commedie. Il suo ultimo lavoro è Come ti spaccio la famiglia, di questo anno.

Forbes l'ha inserita nella lista delle attrici più ricche, calcolando un patrimonio di 110 milioni di dollari (mica cazzi!). Ha ricevuto un Golden Globe e vinto un Emmy Awards entrambi per le sue prestazioni nel telefilm Friends.



Filmografia essenziale
  • Leprechaun (1993)
  • Il sogno di Frankie (1996)
  • Il senso dell'amore (1996)
  • Romantici equivoci (1997)
  • Solo se il destino (1997)
  • The Thin Pink Line (1998)
  • L'oggetto del mio desiderio (1998)
  • Aspettando Woody (1998)
  • Impiegati ..male! (1999)
  • Il gigante di ferro - voce (1999)
  • Rock star (2001)
  • The Good Girl (2001)
  • Una settimana da Dio (2003)
  • Abby Singer (2003)
  • ...e alla fine arriva Polly (2004)
  • Derailed - Attrazione letale (2005)
  • Vizi di famiglia (2005)
  • Friends with Money (2006)
  • Ti odio, ti lascio, ti... (2006)
  • Io & Marley (2008)
  • Management - Un amore in fuga (2008)
  • La verità è che non gli piaci abbastanza (2009)
  • Journey to Sundance (2009)
  • Qualcosa di speciale (2009)
  • Il cacciatore di ex (2010)
  • Due cuori e una provetta (2010)
  • Mia moglie per finta (2011)
  • Come ammazzare il capo...e vivere felici (2011)
  • Nudi e felici (2012)
  • Come ti spaccio la famiglia (2013)
Che film ci proponi? Oggi niente riciclo, attingiamo avidamente dalla mia videoteca et voilà, il piatto è servito:

Mia moglie per finta


Titolo: Mia moglie per finta
Titolo originale: Just Go With It
Regia:Dennis Dugan
Durata: 116 min

Anno: 2013
Genere: Commedia
Cast: Adam Sandler, Jennifer Aniston, Brooklyn Decker, Nicole Kidman

Trama: Danny Maccabee, noto chirurgo plastico, dopo una delusione d'amore, decide di non impegnarsi in relazioni serie, indossando una fede nuziale e fingendo di avere un matrimonio infelice. Tutto procede bene fino a quando incontra Palmer, la classica "ragazza della sua vita"; ma Palmer, scoprendo la fede nella tasca dei pantaloni di Danny non ci sta alla situazione. Danny, per non dover raccontare la verità, si inventa che sta per divorziare e coinvolge la sua assistente Katherine per interpretare la perfida moglie. Ma nei romantici scenari delle Hawaii accadrà qualcosa di imprevisto...


Parliamone: complice la naturale ilarità prodotta da Sandler, questa commedia risulta piuttosto divertente, pur restando nei canoni della commedia sandleriana. Situazioni paradossali, con Adam ammantato di "sciupafemminismo", a parte questo degne di nota sono le curve...


...e che curve!


 Trascurando la giovine beltà della Decker (classe 1987), ci concentriamo sull'altra splendida donna (ce ne sarebbe anche una terza, cioè la Nicole Kidman, che però non brilla particolarmente) che è proprio la Aniston, che in un'occasione sfoggia un fisico ancora notevole ed un bikini ridottissimo, giocandosela alla grande con la Decker di cui sopra.
Apprezzabile è anche l'evoluzione del personaggio, da assistente un po' trascurata ed un po' meh a splendida milf dal sorriso smagliante. Cari amici Avventori, datemi del folle, ma credo che il sorriso della Aniston sia uno dei più affascinanti...
Sì certo, sporcaccione, il sorriso...
Divertenti gli intermezzi di Sandler come chirurgo, che si vede costretto a operare un sopracciglio ballerino, un seno più grande di un altro e altre amenità; così come è altrettanto divertente il botox-party, organizzato da un vecchio incartapecorito che ha talmente botox sottopelle da non riuscire nemmeno a bene da un bicchiere con una cannuccia.
Caciarone e romantico, film da disimpegno senza troppe pretese. Grazie al cielo ci sono la Decker e la Aniston a rallegrare un po' gli animi di noi maschietti!

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento