mercoledì 24 aprile 2013

30 Days Movie Challenge. Giorno 16: Un film che amavi, ma che ora odi.

Goood Morning Avventori! Oggi è Mercoledì e come ogni Mercoledì che si rispetti abbiamo il classico appuntamento col 30 Days Movie Challenge, ormai è anche superfluo ricordarvelo.


Che poi in realtà avrei pure una notiziuola da darvi, però non so se...massì dai...no, forse no...massì...ma no...
No, ho deciso, la notiziuola ve la dò al 1° di Maggio, con le News del mese di Maggio!

Giorno 16 - Un film che amavi, ma che ora odi: La Cosa (1982)


Titolo: La Cosa
Titolo originale: The Thing
Regia: John Carpenter
Durata: 96 min.
Anno: 1982
Genere: Horror/Fantascienza
Cast: Kurt Russel, Wilford Brimley, T.K. Carter, David Clennon.

Trama: In Antartide, in una base scientifica degli USA (tanto per cambiare), gli ospiti raccolgono un Husky inseguito da alcuni scienziati Norvegesi, apparentemente impazziti. Ma il cane sembra avere qualcosa che non va, infatti poco dopo si trasforma in un'orrenda creatura infettando e uccidendo gli altri cani della base. Ma a quanto pare non si tratta di un virus, ma di un organismo alieno in grado di infettare e riprodursi rapidamente all'interno del corpo di un individuo, ponendo una seria minaccia per l'intera umanità...


Parliamone: aaaaaah 1982 quando gli effetti speciali c'erano, ma erano ancora grezzi, bizzarri e soprattutto la computer grafica pareva una cosa uscita da sotto la veste della Principessa Leila. 


Che poi in fin dei conti non sembra così male...Carrie Fisher intendo.
Tornando a bomba, il film. Beh è una gran figata, un po' perché sfrutta l'ambiente desolato, freddissimo e inquietante dell'Antartide, un po' anche perché sfrutta la paura dell'infestazione aliena; che non è una tenera invasione di Pucchi (cfr. Excel Saga) o di Ewok (cfr. Star Wars), ma una bella pandemia virulenta, che spazzerebbe via la razza umana in un petosecondo.


Ci sono anche le trasformazioni, piuttosto spettacolari, angoscianti e con ettolitri di plasma/sangue/liquidi interstiziali alieni che schizzano un po' ovunque e che rendono il tutto molto, ma molto più orrido!
Ma in fin dei conti, perché prima amavo questo film ed ora lo detesto?
Non perché sono passato ad un livello superiorie dell'horror, cosa che in realtà aborrisco senza ripensamenti.
In pratica (aneddoto), primi mesi di università. Sperimentavo con gioia la bellezza di dormire fino a tardi il sabato mattina, cosa vietatissima durante il liceo, poiché ahimé avevo lezione. Sicché, alzata alle 10:30 - 11:00, Tea bollente e...filmozzo! Quale? La Cosa!
Mi ricordo che m'acchiappava assai la truculenza un po' gratuita che scatenava sto alieno.
La storia si protrae per un paio di mesetti (non me lo guardavo ogni sabato eh! Però diciamo quasi), quando realizzo che, in fin dei conti, sotto sotto, intrinsecamente, questo film ha rotto i coglioni.
Perciò ho iniziato a detestarlo, sarà almeno due e più anni che non lo tocco, neanche per sbaglio.

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento