lunedì 4 marzo 2013

Il Lunedì del Locandiere.

Come vi avevo anticipato nelle News del mese di Marzo ecco che parte il Lunedì del Locandiere, come mai? Beh diciamo che voglio tenermelo come appuntamento jolly per tirare fuori il meglio del peggio delle mie opinioni su tutto, attualità, spread, spritz, jeanpierreseicentosanbitter!


Ma anche per lanciare robe un po' così, di dubbio gusto, con l'intento di strapparvi il sorriso in una buia giornata di pioggia, vedremo.

Purtroppo il mio week-end non è stato dei migliori, ho partecipato all'ultimo saluto di una persona che ha contribuito tantissimo a farmi diventare quello che sono ora, una delle mie maestre dell'elementari; la persona che mi ha fatto amare i libri e la letteratura in generale; è stato un commiato sentito e troppo, troppo prematuro. Fortunatamente ho dalla mia numerosi amici, preziosissimi amici, indispensabili, che con calma e serenità mi hanno fatto vivere una serata fantastica. Grazie al cielo gli angeli non stanno solo tra le pagine della Divina Commedia, ma sono sulla terra, tra noi. Grazie Symo e grazie Rò.

Ma ora bando ai sentimentalismi, ho una Locanda da gestire e numerosi Avventori che vanno e vengono, ognuno coi suoi problemi e le sue gioie, ognuno da servire. Per il primo Lunedì del Locandiere che vi propongo?
Partiamo di qualcosa di di diverso: i fumetti.

Ora, non è che io sia l'autorità in termini fumettistici, non me ne vogliano i veri appassionati, però questa estate m'è salita la passione per Dylan Dog, passione che sta continuando grazie anche al recupero dei numeri più vecchiotti e decisamente più fighi, complice di tutto ciò anche il lancio della collezione storica del succitato fumetto italianissimo, con le prime tre store a COLORI!!! Il tutto ad un prezzo che è una vera puttanata (1 euro), vero è, però, che le uscite successive sono piuttosto ladronesche, ma chissene, c'hai in mano i primi tre numero dell'Indagatore dell'Incubo e vuoi godertele tutte dall'inizio alla fine, va bene così!


Qualcuno mi aveva già avvertito: "Fidati che le prime storie meritano un casino!", però tra una balla e l'altra il maxialbum è stato acquistato il 21 di Febbraio ed è stato aperto per leggerlo come lui comanda solo il 1 di Marzo.Che ci volete fare? Sono un uomo impegnato io.
Il primo volume di questa collezione storica consta di tre storie scritte dal papà di Dylan in carne ed ossa, o meglio carta e inchiostro: Tiziano Sclavi.
Apri le pagine, le sfogli, annusi il profumo incomparabile della carta stampata, cosa che VOI feticisti del tablet non potrete mai capire, e mi viene quasi da piangere...
Mi viene da piangere anche perché, pensando al DYD numero 317 (cioè il numero di Febbraio), ti chiedi come mai devi spendere quasi 3.00 euro per della carta igienica. Non che la storia fosse brutta, anzi...
Però diciamo che il disegnatore si poteva impegnare quel tanto di più da non far sembrare tutti i personaggi femminili uguali...tipo così:

Più o meno....
Ma vabbé, non ci voglio pensare...prendo e, con estrema calma, inizio a sfogliare le pagine. Dopo aver concluso la primissima storia: L'Alba dei Morti Viventi. Penso: minchia!



Minchia per diverse ragioni. Uno perché è la primissima storia di Dylanbello, due perché Groucho ogni tanto fa ridere ed è la spalla di Dylan, non che gli ruba la scena ogni due per tre e interrompe il flusso narrativo facendoti smadonnare. Tre perché c'è la prima di una delle innumerevoli gnoccone che il nostro Casanova dell'Incubo si porta tra le coperte. Quattro, il personaggio del dottor Xabaras, l'antagonista della storia, mi ha colpito parecchio, forse uno dei cattivi più riusciti. Cinque, vogliamo parlare delle citazioni?
- Tipo dello spirito sumero nel frigorifero...
- Tipo la canzone "Ghostbusters"
Entrambi chiari riferimenti alla pellicola degli Acchiappafantasmi del 1984 (la storia uscì due anni dopo nel lontano '86). Altro riferimento cinematografico è la frase esclamata dal dottor Xabaras: "NON APRITE QUELLA PORTA!"...vi lascio immaginare a quale pellicola possa essere riferita.
Che poi, a onor del vero, la storia mi è piaciuta così tanto, che me la sono riletta altre due volte, assaporandola parola per parola e assorbendo tutto ciò che poteva offrire. Poi sono passato alla storia numero due:


Sarà che il personaggio di Jack lo Squartatore non abbia mai stuzzicato così profondamente il mio immaginario, sarà anche che lo vedo come un personaggio esclusivo della Londra vittoriana, sarà anche che la componente "soprannaturale" inizia a scemare, ma questa storia non è che mi abbia poi fatto impazzire. Anche se devo ammettere che il colpo di scena finale, ci stava. Tra le altre cose incontriamo per la prima volta l'ispettore Bloch di Scotland Yard, che sarà quasi sempre presente nelle future avventure di Dylan. Resta il fatto che non ti ha colpito questa storia, perché? Non lo so, forse anche perché il Numero 1 è sempre circondato da quell'aura di venerabilità, per cui sai inconsciamente che è un capolavoro, qualcosa che non può essere meno di qualcosa di fantastico, bellissimo e terribilmente geniale. Ha il suo valore, ma non ha quel lustro immancabile dell'Alba dei morti viventi, lasciatevelo dire da uno che è un profano!

Matt - Il Locandiere

13 commenti:

  1. Caro Locandiere, dopo anni e anni d'amicizia e di tentativi di immergerti nel mondo dei fumetti, vederti quell'estate in Calabria sciropparti il n° 311 di Dylan Dog in tempo zero...mi sono sentito come se avessi vinto una battaglia. Accompagnarti ogni mese in edicola per vederti prendere il mensile e leggere anche queste righe, è come vincere la guerra.

    Concordo con ogni singola parola, è un bel volumone che merita la sua fetta di attenzione, anche se l'intervista di Sclavi mi ha lasciato l'amaro in bocca, appena esce il post su quello te lo taggo qui.

    Continua così e benvenuto nel mondo dei lettori Dylaniati :D

    RispondiElimina
  2. Mr. Yellow Duck5 marzo 2013 19:22

    Cheffigo Dylan Dog! Lo seguo dalla sua prima uscita ! E moh mi piglio pure tutti sti volumoni che le storie a colori volevo proprio leggermele!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla prima storia? Sticazzi! è stato proprio amore a prima vista :D

      Elimina
  3. Kunoichi Mazzinga5 marzo 2013 19:23

    Ma quAND'è chE pARlI dI NaRUto? :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo mai, i manga non sono il mio campo, purtroppo!

      Elimina
  4. Official WWE/WCW DDP Fan Club5 marzo 2013 19:26

    Bello Dylan, però solo fino ai primi 100 numeri...non so, poi è come se la magia fosse finita. Però...per un euro, una sbirciatina gliela do. Ma non leggi proprio altro Locandiere? Tipo, che so, Ultimates? Te lo consiglio!

    RispondiElimina
  5. Liam Neeson The Absoloute5 marzo 2013 19:27

    Se c'è Liam Neeson me lo prendo

    RispondiElimina
  6. Si ma non è un vero fumetto Horror, non parla di Satanismo...

    RispondiElimina
  7. Il Cacciatore Di Bigotti Part-Time5 marzo 2013 19:32

    Ma vaffanculo Sfocchia! Mi sembra di sentire un mio amico che dice che il metal non è vero metal se non si parla del Diavolo in almeno due canzoni per cd. Ma vai a cagare, testa di minchia, l'horror è ben altro che questo! Non capisci un cazzo!

    RispondiElimina
  8. Altro che quella merda di film!!!

    RispondiElimina
  9. Dylan Dog VS Resident Evil

    ...NO MATCH!!! Dylan sta vince 10 a 0!!! :D

    RispondiElimina